Fermo con le mani

Totò: Fermo con le mani! (1937)

Stia fermo con le mani, sa!

(Totò all’interno del film)

Fermo con le mani! è un film del 1937 diretto da Gero Zambuto. Noto per essere il primo film in assoluto interpretato da Totò.

Trama

Totò in Fermo con le mani

Totò in Fermo con le mani

Totò di Torretota è un povero diavolo che tenta in ogni modo di sbarcare il lunario. Dopo essere stato cacciato di casa (una abitazione in via di demolizione in cui si è insediato abusivamente), nel cercare una nuova sistemazione riesce, a liberare una povera orfanella dalle grinfie di un bieco sfruttatore, che la obbligava a elemosinare per la strada, e decide di prendersene cura, nonostante l’indigenza.

Per racimolare qualche soldo, Totò accetta di fare da factotum in un salone di bellezza e, per conquistare una buona mancia, si traveste da donna e si fa passare per massaggiatrice spagnola dalla bella Eva (Erzsi Paál), un’assidua cliente del salone, nonché soubrette di rivista protetta dall’inetto Cavalier Girolamo Battaglia (Oreste Bilancia), il quale non si avvede del fatto che Eva amoreggia sotto i suoi occhi col direttore d’orchestra dello spettacolo (Erminio D’Oliva). Alla vista delle grazie di Eva, Totò perde il controllo e si fa smascherare. Eva, infuriata, chiede a Girolamo di catturare l’uomo e schiaffeggiarlo, ma il passo lesto di Totò e l’incapacità del Cavaliere impediscono che ciò avvenga. Eva allora intima a Girolamo di ritrovare Totò e schiaffeggiarlo pubblicamente per dimostrare di essere un vero uomo.

Licenziato dal salone di bellezza per la sua bravata, Totò si ritrova a trattare con Girolamo che, a suon di denaro, convince il poveraccio a combinare un incontro in un locale elegante dove sarà convenzionalmente schiaffeggiato davanti a tutti. Sennonché la sera in questione Totò riesce a conquistare la simpatia di Eva così il gesto di Girolamo la indispettisce ancor di più.

Fermo con le mani

Fermo con le mani

Istigato da un amico altrettanto in miseria (Franco Coop), Totò decide di tornare dall’uomo per ricattarlo ed estorcergli altro danaro, fingendosi un nobile decaduto che intende imporre un duello per lavare l’onta subita. Poco dopo Totò riesce a trovare lavoro proprio nel teatro ove lavora Eva e, per una serie di equivoci, finisce col sedurre la ballerina, mandando su tutte le furie il suo amante, che rifiuta di dirigere l’orchestra per lo spettacolo serale. A quel punto Totò si offre lui stesso come direttore d’orchestra, ottenendo un incredibile trionfo nonostante non fosse un vero musicista. La cosa fa imbestialire ulteriormente l’amante di Eva che, sconfitto in amore e sul lavoro, aggredisce fisicamente Totò, così che si rende necessario l’intervento della polizia. In commissariato, Totò scopre di essere veramente un conte e unico erede di parecchi milioni. L’inaspettata eredità gli consente di crearsi una famiglia con Eva e la piccola orfana.

Come ultimo gesto, l’ormai ricco e stimato Totò si reca nel locale in cui era stato umiliato da Girolamo e gli si avvicina con la scusa di ringraziarlo per quanto ha fatto in suo favore, restituendogli il denaro avuto per gli schiaffi e rifilandogli due sonori ceffoni, liberandosi dalla frustrazione del precedente episodio.

Commento

È il film d’esordio di Totò. Tra le scene più famose si ricorda quella in cui cerca di fare il pedicure a un uomo calvo, quella in cui pesca dal bancone del pescivendolo (ripresa poi in Guardie e ladri e Totò a Parigi) e anche la scena nella quale tiene in braccio una scopa usandola come fucile (ripresa anche in Figaro qua, Figaro là); inoltre, la scena del direttore d’orchestra sarà presente in molti altri successivi film.
La bambina orfana, interpretata da Miranda Bonansea, ricorda Shirley Temple e la pettinatura è la stessa. La Bonansea, infatti, in quegli anni era la doppiattrice ufficiale della Temple. Inoltre nelle scene in casa di Totò sembrano vari riferimenti al film Il monello di Charlie Chaplin.

Critica

  • Su Bianco e Nero del 31 maggio 1937, “Questo film non è americano ciononostante è bruttissimo. Ne prendano atto coloro che ci accusano di faziosità. Noi siamo irrimediabilmente faziosi verso tutti i film che rappresentano un attentato alla società artistica e morale del cinematografo”.
  • Marco Ramperti ne L’Illustrazione Italiana del 14 marzo 1937 ” Non mancate a Fermo con le mani, dove riappare Erszi Paal e dove si rivela Totò. Pare a me che la ballerina di Budapest non manchi, oltre che di vaghezza e di estro, di fotogenia: ma, soprattutto, subisce l’attrazione di Totò nella magrezza fantomatica e nella snodatura marionettistica di certi suoi passi di danza, dove il pallore e l’automatismo concorrono, insieme con la bravura, a una specie di pauroso incantamento, di allucinazione irresistibile…”

Un pensiero su “Totò: Fermo con le mani! (1937)

  1. marcello marcato

    lui ha fatto il militare a cuneo ,io sono di torino ,quindi siamo quasi parenti alla lontana.e poi caro totò tu come gli italiani paghi e pure noi paghiamo paghiamo e continuiamo a pagare.tu non avrai vinto l’oscar(perché?) ma hai vinto il cuore degli italiani napoletani compresi.ciao

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *