Filmografia

Totò interpretò dal 1937 fino alla morte (nel 1967) ben 97 film per il grande schermo, quasi sempre come attore protagonista, per una media di oltre 4 all’anno (numero che tra l’altro non può tener conto della pausa della guerra). Ha lavorato con ben 42 registi.

Oltre a ciò vanno elencati anche un cospicuo numero di progetti iniziati e mai portati a termine.

Attore cinematografico

  • Fermo con le mani!, regia di Gero Zambuto (1937)
  • Animali pazzi, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1939)
  • San Giovanni decollato, regia di Amleto Palermi (1940)
  • L’allegro fantasma, regia di Amleto Palermi (1941)
  • Due cuori fra le belve, rieditato nel dopoguerra col titolo Totò nella fossa dei leoni, regia di Giorgio Simonelli (1943)
  • Il ratto delle Sabine, rieditato nel dopoguerra col titolo Il professor Trombone, regia di Mario Bonnard (1945)
  • I due orfanelli, regia di Mario Mattòli (1947)
  • Fifa e arena, regia di Mario Mattòli (1948)
  • Totò al giro d’Italia, regia di Mario Mattòli (1948)
  • I pompieri di Viggiù, regia di Mario Mattòli (1949)
  • Yvonne la nuit, regia di Giuseppe Amato (1949)
  • Totò cerca casa, regia di Steno e Mario Monicelli (1949)
  • Totò le Mokò, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1949)
  • L’imperatore di Capri, regia di Luigi Comencini (1949)
  • Totò cerca moglie, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
  • Napoli milionaria, regia di Eduardo De Filippo (1950)
  • Figaro qua, Figaro là, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
  • Le sei mogli di Barbablù, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
  • Totò Tarzan, regia di Mario Mattòli (1950)
  • Totò sceicco, regia di Mario Mattòli (1950)
  • 47 morto che parla, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
  • Totò terzo uomo, regia di Mario Mattòli (1951)
  • Sette ore di guai, regia di Vittorio Metz e Marcello Marchesi (1951)
  • Guardie e ladri, regia di Steno e Mario Monicelli (1951)
  • Totò e i re di Roma, regia di Steno e Mario Monicelli (1951)
  • Totò a colori, regia di Steno (1952)
  • Dov’è la libertà?, regia di Roberto Rossellini (1952)
  • Totò e le donne, regia di Steno e Mario Monicelli (1952)
  • L’uomo, la bestia e la virtù, regia di Steno (1953)
  • Un turco napoletano, regia di Mario Mattòli (1953)
  • Una di quelle, regia di Aldo Fabrizi (1953)
  • Il più comico spettacolo del mondo, regia di Mario Mattòli (1953)
  • Questa è la vita, episodio La patente, regia di Luigi Zampa (1954)
  • Miseria e nobiltà, regia di Mario Mattòli (1954)
  • Tempi nostri, episodio La macchina fotografica, regia di Alessandro Blasetti (1954)
  • I tre ladri, regia di Lionello De Felice (1954)
  • Il medico dei pazzi, regia di Mario Mattòli (1954)
  • Totò cerca pace, regia di Mario Mattòli (1954)
  • L’oro di Napoli, episodio Il guappo, regia di Vittorio De Sica (1954)
  • Totò all’inferno, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
  • Totò e Carolina, regia di Mario Monicelli (1955)
  • Siamo uomini o caporali?, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
  • Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
  • Destinazione Piovarolo, regia di Domenico Paolella (1955)
  • Il coraggio, regia di Domenico Paolella (1955)
  • La banda degli onesti, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
  • Totò, lascia o raddoppia?, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
  • Totò, Peppino e la… malafemmina, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
  • Totò, Peppino e i fuorilegge, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
  • Totò, Vittorio e la dottoressa, regia di Camillo Mastrocinque (1957)
  • Totò e Marcellino, regia di Antonio Musu (1958)
  • Totò, Peppino e le fanatiche, regia di Mario Mattòli (1958)
  • Gambe d’oro, regia di Turi Vasile (1958)
  • I soliti ignoti, regia di Mario Monicelli (1958)
  • Totò a Parigi, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
  • La legge è legge, regia di Christian-Jaque (1958)
  • Totò nella luna, regia di Steno (1958)
  • Totò, Eva e il pennello proibito, regia di Steno (1959)
  • I tartassati, regia di Steno (1959)
  • I ladri, regia di Lucio Fulci (1959)
  • Arrangiatevi!, regia di Mauro Bolognini (1959)
  • La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
  • Noi duri, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
  • Signori si nasce, regia di Mario Mattòli (1960)
  • Totò, Fabrizi e i giovani d’oggi, regia di Mario Mattòli (1960)
  • Letto a tre piazze, regia di Steno (1960)
  • Risate di gioia, regia di Mario Monicelli (1960)
  • Chi si ferma è perduto, regia di Sergio Corbucci (1960)
  • Sua Eccellenza si fermò a mangiare, rieditato nel 1967 col titolo Il dottor Tanzarella, medico personale del fondatore dell’impero, regia di Mario Mattòli (1961)
  • Totò, Peppino e…la dolce vita, regia di Sergio Corbucci (1961)
  • Totòtruffa 62, regia di Camillo Mastrocinque (1961)
  • I due marescialli, regia di Sergio Corbucci (1961)
  • Totò diabolicus, regia di Steno (1962)
  • Totò contro Maciste, regia di Fernando Cerchio (1962)
  • Totò e Peppino divisi a Berlino, regia di Giorgio Bianchi (1962)
  • Lo smemorato di Collegno, regia di Sergio Corbucci (1962)
  • Totò di notte n. 1, regia di Mario Amendola (1962)
  • I due colonnelli, regia di Steno (1962)
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
  • Totò contro i quattro, regia di Steno (1963)
  • Il monaco di Monza, regia di Sergio Corbucci (1963)
  • Le motorizzate, episodio Il vigile ignoto, regia di Marino Girolami (1963)
  • Totò e Cleopatra, regia di Fernando Cerchio (1963)
  • Totò sexy, regia di Mario Amendola (1963)
  • Gli onorevoli, regia di Sergio Corbucci (1963)
  • Il comandante, regia di Paolo Heusch (1964)
  • Totò contro il pirata nero, regia di Fernando Cerchio (1964)
  • Che fine ha fatto Totò Baby?, regia di Ottavio Alessi, in realtà di Paolo Heusch (1964)
  • Le belle famiglie, episodio Amare è un po’ morire, regia di Ugo Gregoretti (1964)
  • Totò d’Arabia, regia di José Antonio De La Loma, in realtà di Paolo Heusch (1965)
  • Gli amanti latini, episodio Amore e morte, regia di Mario Costa (1965)
  • La mandragola, regia di Alberto Lattuada (1965)
  • Rita, la figlia americana, regia di Piero Vivarelli (1965)
  • Uccellacci e uccellini, regia di Pier Paolo Pasolini (1966)
  • Operazione San Gennaro, regia di Dino Risi (1966)
  • Le streghe, episodio La terra vista dalla luna, regia di Pier Paolo Pasolini (1967)
  • Capriccio all’italiana, episodi Il mostro della domenica di Steno e Che cosa sono le nuvole? di Pier Paolo Pasolini (1967)

Film non realizzati

  • Il ladro disgraziato (1930), di Stefano Pittaluga
  • Darò un milione (1934), regia di Mario Camerini; al suo posto viene però chiamato Luigi Almirante
  • Calandrino (1935), non realizzato
  • Batticuore (1939), di Mario Camerini; gli viene preferito ancora Luigi Almirante
  • Totò il buono (1942), con soggetto di Cesare Zavattini, non realizzato; più tardi diventerà Miracolo a Milano
  • Buon giorno, elefante! (1948), di Luigi Comencini, non realizzato, verrà riproposto da Gianni Franciolini nel 1952
  • Cornuto e bastonato (1949), non realizzato
  • Adamo ed Eva (1949), di Mario Mattoli, non realizzato per la maternità di Silvana Mangano, verrà poi interpretato da Erminio Macario e Isa Barzizza
  • I tre moschettieri (1949), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Duello nel sale (1949), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Via col mento! (1949), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Il prode Anselmo (1949), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Don Chisciotte (1949), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Marcantonio e Cleopatra (1949), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Atollo K (1950), Totò e Fernandel abbandonano la produzione
  • Totò e dischi volanti (1950), non realizzato
  • Le avventure di Pulcinella (1951), non realizzato
  • La paura numero uno (1952), di Eduardo de Filippo, non realizzato per divieto imposto dalla censura
  • Gaetana e il cavallo bianco (1952), non realizzato per la rinuncia di Giulietta Masina
  • Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno (1953), di Mario Amendola, verrà realizzato solo un anno dopo e senza Totò
  • Anni facili (1953), di Luigi Zampa; Totò rinuncia e al suo posto subentra Nino Taranto
  • Totò e figlio (1954), non realizzato per la rinuncia di Alberto Sordi
  • Don Chisciotte (1954), non realizzato
  • Totò e Peppino mariti imbroglioni (1957), Totò rinuncia per problemi di salute
  • Totò e Peppino in via Veneto (1957), di Steno, il soggetto verrà ripreso nel 1960 per Totò, Peppino e…la dolce vita
  • Totò e i suoi cognati (1958), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Tutti a casa (1958), di Luigi Comencini; il film verrà poi interpretato da Alberto Sordi nel 1960
  • Ferdinando I, re di Napoli (1959), Totò rinuncia ancora per problemi di salute
  • Totò in orbita (1960), non realizzato per la rinuncia di Totò
  • Io e il federale (1960), di Luciano Salce; un anno dopo diviene Il federale, interpretato da Ugo Tognazzi
  • Il giudizio universale (1961), di Vittorio De Sica; Totò rinuncia per condizioni scomode di lavorazione del film
  • Anni ruggenti (1962), di Luigi Zampa; non viene inserito nel cast
  • Il mostro di Roma (1963), dopo la rinuncia di Totò e Boris Karloff, vengono chiamati Franco Franchi e Ciccio Ingrassia: diventa Un mostro e mezzo (1964)
  • La (Ri) cotta (1964), di Pier Paolo Pasolini, quarto episodio del film Ro.Go.Pa.G.#La ricotta; non viene inserito nel cast
  • Pinocchio (1964), di Pier Paolo Pasolini, non realizzato
  • Fidanzamento all’italiana (1965), scritto dallo stesso Totò e Carlo Croccolo, non realizzato per mancanza di finanziamenti
  • Il viaggio di G. Mastorna, detto Fernet (1965), di Federico Fellini, non realizzato per problemi di salute del regista
  • La cattura (1966), di Alberto Lattuada, non realizzato a causa di altri impegni cinematografici di Totò
  • Il circolo Pickwick (1966), di Ugo Gregoretti; il ruolo andrà a Tino Buazzelli
  • Geminus (1966), sceneggiato girato nel 1969 di Luciano Emmer; non viene inserito nel cast
  • C’era una volta… (1967), di Francesco Rosi; non viene inserito nel cast
  • Arabella (1967), di Mauro Bolognini; non viene inserito nel cast
  • Il padre di famiglia (1967), di Nanni Loy – il 13 aprile si gira la prima scena, ma due giorni dopo Totò muore. Lo sostituisce Ugo Tognazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *